Ansia: cos’è ansia

CHE COS’E’ L’ANSIA?

Le persone con disturbi d’ansia sono ansiose nelle situazioni più banali, così tanto ansiose da stravolgere la propria vita. Spesso trascurano lo studio, il lavoro, gli interessi e gli amici.
Ci sono molti disturbi d’ansia diversi. Alcuni esempi sono:
-una fobia di qualcosa di specifico , come ad esempio volare, fobia del sangue o dei ragni;
– ansia in situazioni con altre persone ;
– attacchi di panico ;
– agorafobia ;
– ossessioni e rituali ;
– ansia dopo un trauma ;
– ansia di separazione ;
– paura “della paura”;
– eccessiva preoccupazione.
Circa tre su un centinaio di persone soffrono per lunghi periodi di un disturbo d’ansia. I disturbi di ansia sono curabili con la terapia cognitivo-comportamentale o con i farmaci (antidepressivi). Talvolta, è consigliabile, una combinazione di entrambi.

Come si nota un disturbo d’ansia?
L’ansia è un sentimento normale e mette in guardia da un pericolo imminente. Tuttavia, alcune persone hanno spesso paura ma non è necessaria.
La paura, però, può arrivare all’improvviso e, in questo caso, si definisce panico.
Un attacco di panico può essere identificato da palpitazioni, dolore o senso di oppressione al petto, sudorazione e tremore o agitazione, sensazione di soffocamento, respirazione veloce e senza fiato. Altri sintomi includono: nausea, diarrea, vertigini e la sensazione di svenire.
La paura, però, può anche avvenire gradualmente, nel corso di minuti, ore o giorni e può durare da secondi ad, addirittura, anni.
Le persone con disturbo d’ansia, di solito, hanno anche difficoltà respiratorie o ad addormentarsi, perdita di appetito, mal di testa o dolori di stomaco e difficoltà di concentrazione e, inoltre, presentimenti, ansia, nervosismo, tensione e irrequietezza.. Circa la metà di coloro che soffrono di disturbi d’ansia soffrono anche di depressione.

Quali sono le cause dei disturbi d’ansia?
Non è così facile dire da dove proviene l’ansia, spesso è una combinazione di circostanze e l’educazione gioca un ruolo importante. Un bambino con uno o due genitori ansiosi, inconsapevolmente, ha tutti i tipi di timori in materia di istruzione. Vi sono delle probabilità che, in seguito, il bambino possa sviluppare un disturbo d’ansia. Probabilmente, alcuni geni causano una carenza di alcune sostanze, i neurotrasmettitori che determinano, più o meno, come ci si sente.
I neurotrasmettitori che provocano ansia sono la serotonina e la noradrenalina e, quando i livelli sono bassi, ci si può facilmente spaventare. Questa predisposizione all’ansia è, spesso, ereditaria. A volte, invece, un disturbo d’ansia inizia con un evento traumatico, come il licenziamento o una malattia grave.

Trattamento del disturbo d’ansia lieve
Informazioni su disturbo d’ansia (psicoeducazione).
Si può seguire un corso presso un centro di salute mentale o leggere un libro di auto-aiuto, possibilmente con la guida del proprio medico.
Aiuto sul Web.
Una serie di incontri con uno psicologo.
Per i bambini con lieve ansia è consigliabile fare aerobica.

Il trattamento dei disturbi d’ansia
Un disturbo d’ansia è, di solito, curabile. Molte persone superano la loro paura con la terapia cognitivo-comportamentale. Una forma di terapia cognitivo-comportamentale che ha ottimi risultati è quella di esposizione.
Durante la terapia, il terapeuta dopo aver capito quali situazioni si temono e cosa si pensa, assegna al paziente degli esercizi da affrontare con i pensieri ansiosi.
La paura può essere affrontato anche con i farmaci, vale a dire con gli antidepressivi, soprattutto per le persone con problemi di ansia e di depressione.

Avete un disturbo d’ansia, senza sintomi di depressione?
E’ opportuno scegliere, in consultazione con il medico, qual è il trattamento giusto: la terapia cognitivo-comportamentale o gli antidepressivi.
Una combinazione di terapia cognitivo-comportamentale e antidepressivi è, a volte, possibile. Fare attenzione con i farmaci, in quanto, lavorano dopo poche settimane.

Affrontare l’ansia
Le persone con disturbi d’ansia si vergognano spesso delle proprie paure e questo può anche ritorcersi contro.

Ecco alcuni consigli per Affrontare l’ansia:
– Parlare dei propri timori con la famiglia e gli amici.
– Cercare di annotare le paure e l’impatto che ha sulla vostra vita.
– Elencare i fenomeni fisici in situazioni che causano paura.
– Il relax e gli esercizi di respirazione possono aiutare a riposarsi durante gli attacchi di ansia.
– Leggere un libro di auto-aiuto libro con una guida pratica per migliorare la propria ansia.
– Consultare il medico se l’ansia sta interessando la vostra vita quotidiana.
– Comunicare con altre persone che hanno lo stesso disturbo.

Consigli per la famiglia e per gli amici di una persona con un disturbo d’ansia
Non è facile trattare con qualcuno che ha un disturbo d’ansia
-Non cercare di parlare della paura dell’altro.
-Riconoscere la paura, anche se può sembrare esagerato.
-Aiutare chi soffre di ansia ad affrontare situazioni spaventose, ma non con forza.
-Incoraggiare gli altri a cercare un aiuto professionale.
-Trovare informazioni sui disturbi d’ansia.

La distinzione tra ansia e i vari disturbi d’ansia è di importanza per la prognosi e la scelta del trattamento che consiste nella combinazione tra la terapia cognitivo-comportamentale e i farmaci. Di solito, sono preferiti gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, in quanto hanno ridotti effetti collaterali.
Coloro che soffrono dei sintomi causati dall’ansia, spesso, non chiedono direttamente aiuto, infatti la vergogna può essere un ostacolo per chiedere aiuto.
La politica sta nell’informare il paziente. Per alcuni pazienti è sufficiente una buona informazione circa la condizione e il controllo.
L’ansia è una reazione normale nel contesto di una minaccia reale. La paura è un sentimento che si riferisce ad un pericolo imminente ed è accompagnata da sintomi fisici per l’attivazione del sistema nervoso autonomo. Il corpo è così preparato per una lotta o per una fuga di risposta, con aumento della frequenza cardiaca e la respirazione, l’aumento del tono muscolare, di pensieri come “Sto morendo” o “Mi sta succedendo qualcosa di terribile” e di comportamenti, come scappare.

Attacco di panico: improvvisa comparsa di intensa paura, che, nell’arco di dieci minuti, possono comparire i seguenti sintomi: palpitazioni, aumento della frequenza cardiaca, sudorazione, tremori o agitazione, affanno o sensazione di soffocamento, dolore o fastidio al petto, nausea o mal di stomaco, formicolio o intorpidimento, vampate di calore o brividi, vertigini, sensazione di derealizzazione e di depersonalizzazione, paura di perdere il controllo o di impazzire, paura di morire.
Un attacco di panico non è di per sé un disturbo d’ansia, ma può verificarsi in vari disturbi d’ansia.

Disturbi d’ansia : un termine comune per diversi disturbi con paura “anormale” che danno luogo a un disagio soggettivo sostenuto ed ostacolante il funzionamento sociale. La paura anormale può verificarsi in molti disturbi psichiatrici (depressione, delirio, psicosi), ma quando la paura è il sintomo principale, si definisce disturbo d’ansia.
Solitamente si segue la classificazione accettata a livello internazionale dei disturbi d’ansia secondo il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali che distingue il disturbo di panico, l’ agorafobia, la fobia specifica, la fobia sociale, il disturbo ossessivo-compulsivo, il disturbo da stress post-traumatico e disturbo d’ansia generalizzato e i disturbi somatoformi (l’ipocondria).

Disturbo di panico
Un disturbo di panico è caratterizzato da ricorrenti attacchi di panico, non prevedibili. Poiché i pazienti hanno spesso paura di soffrire di un nuovo attacco, si può verificare l’ agorafobia, che è il motivo per cui il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali distingue il disturbo di panico con o senza agorafobia.
Il panico è impressionante e stressante per chi ne soffre. I pazienti con disturbo di panico, di solito, tendono ad ingrandire tutto e si preoccupano in modo eccessivo dei luoghi e della propria salute.

Agorafobia
Agorafobia è caratterizzata dalla paura delle situazioni in cui il paziente, nel caso di un attacco improvviso di panico, è difficile fuggire o quelle in cui si otterrebbe difficilmente sollievo, quindi si evitano (comportamento di evitamento). Alcune di queste situazioni sono quelle all’aperto, quando si sta in mezzo ad una folla (strade trafficate o grandi magazzini, ristoranti, chiese) e in auto, autobus o treni.

Fobia specifica
Una fobia specifica è caratterizzata da una paura anormale di un particolare oggetto, come ragni, serpenti o sangue, o per una situazione specifica, come l’altezza (altezza), temporali e un piccolo spazio (claustrofobia).
Il confronto con l’oggetto o la situazione viene evitata.
Una fobia sociale, inoltre, è caratterizzata da una paura anormale di situazioni in cui il paziente è esposto al possibile giudizio degli altri e che ha paura di essere ridicolizzato.
La fobia sociale può essere suddivisa in una forma specifica, l’ansia è legata a una situazione specifica, come ad esempio parlare in pubblico (la paura del palcoscenico), tremore o arrossire in situazioni sociali o di paura, e in una forma generalizzata, in cui l’ansia si verifica in altre situazioni.

Disturbo ossessivo- compulsivo
Un disturbo ossessivo -compulsivo è caratterizzato da pensieri persistenti compulsivi o immagini (ossessioni) e / o comportamenti compulsivi connessi (compulsioni). I pensieri ricorrenti o le immagini ricorrenti si hanno involontariamente ma sono prodotti della persona.
Le compulsioni devono essere eseguite secondo certe regole. Lo scopo delle compulsioni è quello di ridurre l’ansia e prevenire minacciosi eventi / situazioni con il controllo. In un disturbo ossessivo-compulsivo, la persona che soffre dei sintomi, se li interrompe può seriamente attaccare il normale funzionamento quotidiano.

Disturbo d’ansia generalizzato
Un disturbo d’ansia generalizzato è caratterizzato da persistente, nervosismo, ansia e tendenza a preoccuparsi di piccoli problemi e degli eventi di tutti i giorni, ad esempio nel campo del lavoro, dei figli e del futuro.
Questo disturbo è accompagnato da sintomi quali affaticamento, difficoltà di concentrazione, irritabilità, tensione muscolare e problemi ad addormentarsi.

Disturbo da stress post- traumatico
Un disturbo da stress post-traumatico è caratterizzato dal flashback di un evento traumatico, ad esempio sotto forma di incubi o di ricordi ricorrenti, presenti almeno da un mese.
Oltre ad evitare gli stimoli (situazioni, pensieri, attività o l’uomo) che sono in relazione con la prevenzione traumi, ci possono essere anche sintomi di lunga durata, come maggiore irritabilità o scatti di rabbia, risposte di allarme esagerate e difficoltà di concentrazione.

Ipocondria
L’ipocondria è caratterizzata da una preoccupazione ansiosa persistente con la possibilità di avere una grave malattia, nonostante la valutazione medica positiva. Qualsiasi fenomeno fisico viene interpretato come un segno di grave malattia. Questa preoccupazione causa disagio significativo o compromissione della vita quotidiana.

Eziologia ed epidemiologia
I pazienti con disturbi d’ansia hanno paura della loro stessa paura e delle situazioni in cui si può verificare l’ansia. Si tratta di ansia anticipatoria. Quando i timori sono legati a determinate situazioni o oggetti, il paziente evita situazioni o oggetti per cercare di non soffrire della paura ( comportamento di evitamento ).
Quando si affronta nuovamente la situazione spaventosa o l’oggetto temuto, la paura è in ultima analisi, più intensa. Esempi sono le compulsioni del disturbo ossessivo-compulsivo, la consultazione di medici in ipocondria e l’uso di alcol in fobia sociale. Questo comportamento neutralizzante fornisce sollievo nel breve termine.
L’eziologia e la patogenesi dei disturbi d’ansia sono multi-causale; personalità, genetica, situazione sociale e fattori neurobiologici.
L’ansia e i disturbi d’ansia sono spesso associati con la depressione e la somatizzazione e non sempre sono chiaramente distinguibili.
La prevalenza dei disturbi d’ansia nella popolazione è elevata (8% negli uomini e il 13% nelle donne) ma alcuni di coloro che soffrono di disturbi d’ansia non si recano dal medico o non li viene riconosciuto questo disturbo.
La prevalenza dei disturbi d’ansia delle cure primarie è di circa 9 ogni 1.000 uomini e 16 per 1000 donne.
Tra i vari tipi di disturbi d’ansia, quello d’ansia generalizzato è più comune nelle persone anziane.
L’età in cui si verifica un disturbo d’ansia varia a seconda del tipo.
Una fobia specifica si verifica in età più giovane (media 8 anni) del disturbo d’ansia generalizzato, il disturbo post-traumatico da stress (media dai 30 a 40 anni) e il disturbo ossessivo-compulsivo (media tra i 20 e i 35 anni).
Un disturbo di panico e un disturbo d’ansia generalizzato hanno, in generale, un alternarsi, un decorso cronico con remissioni ed esacerbazioni.
Il corso di un disturbo ossessivo-compulsivo è generalmente cronico, con una severità variabile dei sintomi. Una fobia specifica che ha avuto origine nell’infanzia, invece, spesso scompare in età adulta.
Entrambi i disturbi d’ansia conducono ad una riduzione della qualità della vita.

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale * PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme
WhatsApp chat