Attacchi di panico: cosa fare durante un attacco di ansia?

Attacchi di panico: cosa fare?

Gli attacchi di panico sono più comuni nei soggetti con disturbi d’ansia, come il disturbo di panico e il disturbo d’ansia generalizzato.
Se riflettiamo un pò, l’ansia è legata alla previsione di eventi che ancora devono accadere, soprattutto con la paura che ciò che dovrà accadere sarà catastrofico.
La frequenza degli attacchi di panico dipenderà da numerose variabili, che possiamo ridurre in minacce esterne per l’integrità delle minacce individuali e minacce interne (organiche, spesso sconosciute o non percepite dal paziente).
Il panico si verifica soprattutto nei soggetti con età compresa tra i 14 e i 45 anni, ed è più comune nelle donne.
Il 90% dei soggetti affetti da attacchi di panico pensano di avere una delle seguenti malattie, nella seguente distribuzione:

• 10% disturbi gastrointestinali
• 15% disturbi vestibolari, come vertigini
• 16% problemi cardiologici
• 35% iperventilazione
• 30% disturbi psichici.

Cosa fare quando si ha un attacco di panico?

E ‘molto importante cercare di non combattere il panico, perché esso non è un meccanismo consapevole ma è causa di meccanismi automatici cerebrali cioè fa parte del sistema di difesa di un corpo complesso.
Si possono fare però alcune cose, ad esempio il ricorso a tecniche di rilassamento come la meditazione o la preghiera.
E’ consigliabile utilizzare qualsiasi tecnica di distrazione, come la conversazione con una persona fidata, ascoltare musica rilassante, fare un massaggio.
Il controllo del respiro, in particolare, è molto importante: ispirare lentamente ed espirate senza fretta.
Si consiglia anche il rilassamento dei gruppi muscolari più tesi.
Inoltre, è indispensabile non lasciarsi sopraffare dai pensieri negativi, come la paura di morire, la paura di perdere il controllo, che qualcosa di veramente brutto sta per accadere, avere paura di avere gravi malattie, perché questi sentimenti non sono reali.
I pensieri che dovrebbero avere la priorità sono quelli che ci impediscono di avere paura: ragionare sul fatto che si tratta solo di un attacco di panico, che posso controllare e che passerà; pensare che non può accadere nulla di grave e che si ha il coraggio di affrontare le avversità; cercare di non avere paura della paura, ma imparare dalla paura.
La paura esiste per difenderci da qualcosa e non per abbatterci; la paura è nostra alleata, non nostra nemica.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme